Le Città Invisibili. Una drammaturgia non convenzionale.

costruire un nuovo insieme di relazioni fisiche e mentali con lo spettatore alternando l’ascolto del testo puro con delle partiture

Tre fotografi per uno spettacolo.

Chiara Pasqualini, Claudio Drago e Ivan Meacci (in stretto ordine di scatto)